Oggi in Cina – Più sicurezza negli ospedali

In media in Cina ci sarebbero 27 aggressioni all’anno nei confronti dei medici ospedalieri. la portaerei Liaoning arriva nel Mar cinese meridionale. Un piano quinquennale per la disciplina interna al partito: la Commissione centrale di ispezione e disciplina avrà più poteri. Un primo bilancio della FTZ di Shanghai e la semplificazione amministrativa per le petizioni online.

Oggi in Asia – Thailandia, no alle elezioni anticipate

Yingluck Shinawatra, primo ministro thailandese, ha escluso l’ipotesi di elezioni anticipate, mentre continuano le proteste contro il suo governo. Su un forum online, un professore sudcoreano ha scritto che i disertori nordcoreani dovrebbero essere giustiziati. In Giappone, razzi fuori da una base militare vicino Tokyo.

India – Quando si applica la pena capitale

Dal 1995 ad oggi in India sono state eseguite quattro pene capitali: gli imputati erano due terroristi, un serial killer e uno stupratore di minorenni. Sono i casi "rari tra i più rari" per cui il sistema giuridico indiano ha deciso di applicare la massima pena. E il crimine per i quali saranno accusati i marò non la prevede.

India – De Mistura: “Pena di morte inconcepibile”

Intervista all’inviato speciale del governo italiano, che chiarisce di nuovo come l’ipotesi della pena capitale nel caso Enrica Lexie non sia nemmeno immaginabile. La richiesta dell’accusa, quando sarà formulata, dovrà passare al vaglio del giudice e sarà controbattuta dalla difesa. Apertura del processo prevista per il 15 dicembre.

Così vicino, così lontano. Cina e Mozambico odi et amo

Quella con la Cina è la più antica e solida amicizia che il Mozambico ha con un Paese straniero. I cinesi erano lì prima, durante e dopo la lotta di liberazione. E oggi sono sempre più presenti. Si sono presi l’impegno di bonificare la più grande coltivazione di riso abbandonata del Mozambico , quella di Xai-Xai. Non senza conseguenze: sono infatti accusati di accaparramento di terre da parte della società civile.

Los graduados universitarios chinos se enfrentan a un mercado laboral insuficiente

En 2012 se graduaron 7 millones de universitarios, registrando la cifra más alta en toda la historia de la educación del país. Sin embargo, el 16.4% de los graduados de 21 y 25 años no consiguen trabajo al terminar la universidad. La cifra de desempleo entre las personas que completan la educación secundaria es del 4,2% y entre las personas con educación primaria es tan sólo del 2%.