Le domeniche di Ailadi – Quando il dragone incontra la fenice

Giornate disegnate sono momenti della vita quotidiana di Ailadi a Shanghai. Una specie di diario per tenere traccia del tempo. Il primo anno a Shanghai ha fatto un disegno al giorno e ora si ricorda tutti i giorni di quell’anno. Il secondo anno non ha fatto neanche un disegno, e ricorda ben poco di quello che é successo o ha fatto. Quest’anno prova a illustrare l’attualità.

Rassegna settimanale dei media cinesi

Una settimana complessa per Hong Kong a causa degli sgomberi di alcune roccaforti del movimento Occupy e al conseguente arresto di numerosi attivisti. E gli studenti annunciano blitz nei palazzi del governo. Intanto a Pechino, continua la campagna anticorruzione nell’esercito: dopo Xu Caihou ci sarebbero altri ufficiali nel mirino. Con la consueta copertina di Zaijietou e la vignetta di Cai Lian. Buon weekend da China Files.

Oggi in Cina – OccupyHK, what’s next?

Dopo lo sgombero di Mong Kok, ultimo blocco stradale, gli studenti che guidano virtualmente Occupy HK minacciano “blitz” per occupare edifici strategici della città, specialmente quelli del governo locale. Domani elezioni amministrative a Taiwan, un voto da leggere in funzione delle politiche che si terranno nel 2016. Mentre a Wuhan, un’agenzia amministrativa avrebbe speso 125mila euro in biglietti del cinema.

Oggi in Asia – Lo Yomiuri chiede scusa

Il più grande quotidiano nipponico si è scusato per aver usato l’espressione "sex slave" parlando delle donne costrette nei bordelli per i soldati imperiali durante la Seconda guerra mondiale. Inizia il procedimento di impeachment contro Yingluck Shinawatra. L’India semplifica le procedure per i visti di alcuni Paesi.

India – Censurare i comici per difendere la morale indiana

Da mercoledì 26 novembre, per sei giorni, il canale satellitare Comedy Central sarà oscurato per ordine della High Court di New Delhi, reo di aver trasmesso contenuti non adatti a un pubblico di minori e che rappresentano la donna come oggetto sessuale. Esempio del funzionamento bipolare degli organi censori nell’entertainment indiano.

Reverse engineering: la transizione cinese

Come descrivere la transizione cinese, quella trasformazione della società e dell’economia che ci fa presagire un giorno la catastrofe e il giorno dopo le meravigliose sorti e progressive? Ci proviamo facendo riferimento al metodo sperimentale, forse il vero segno di continuità tra la Cina di Mao e quella di Deng e post-Deng; nonché un’alternativa alla democrazia.
Questo intervento è stato scritto per il seminario "La crisi messa a valore", a cura di Effimera e Commonware

Abismo demográfico: China empieza a pagar las consecuencias de la política del hijo único

Abortos forzados, esterilizaciones a mujeres jóvenes, obligación de llevar aparatos intrauterinos y costosas multas por tener más hijos de lo permitido son algunas de las controversiales medidas estatales que se instauraron para hacer cumplir la política del hijo único en China. Sin embargo, según cifras publicadas este mes por el gobierno y estudios realizados por expertos, es posible que todos estos esfuerzos hayan sido innecesarios e incluso contraproducentes para lograr un crecimiento económico sostenido.

¿Cómo nos ven en China?: Protagonismo para Suramérica

En China, los medios locales le han restado importancia a la crisis que se está viviendo en México por la desaparición de los 43 estudiantes. En Colombia, avanza el proceso para liberar a los secuestrados por las FARC. El legislador más importante de China está de gira por Latinoamérica, Buenos Aires lanzó un plan para proteger la vida de los peatones, y Petrobras tomó medidas después de haber sido acusada por actos de corrupción. En Chile se llevó a cabo el sorteo de los grupos para la Copa América 2015. 

Indipendenti o ribelli? La Cina e il cinema indie #2

China Files torna su uno dei temi che gli sta più a cuore: il cinema indipendente cinese. Un lungo articolo – che pubblicheremo in tre parti (leggi 1/3) – ne ripercorre la storia e le sfide. In questa seconda parte i temi della classe media, l’autocensura, le riflessione sull’io e la riscoperta delle tradizioni. Cosa significa e cosa ha significato negli anni essere un regista indipendente?