Un anno di Cina e Asia

Di fronte alla rinnovata centralità del Mediterraneo e dell’Europa in generale – migrazioni, allarme terrorismo, populismi e crisi della Ue, nonché degli Stati Uniti, il baricentro dell’informazione globale si è spostato di nuovo verso Occidente, dopo anni in cui l’interesse verso la Cina e l’Asia tutta aveva aumentato l’attenzione verso quelle longitudini.

In Cina e Asia – Un critico della Cina nuovo responsabile del commercio Usa

I titoli di oggi della nostra rassegna: 

– Un anti-cinese al vertice del Consiglio nazionale per il commercio Usa
– Alibaba nuovamente nella lista nera Usa dei venditori di merce contraffatta
– Giappone, Ok al budget record per la difesa
– India, entro 2027, 60 per cento dell’energia da fonti non-fossili
– Thailandia, tasse universitarie in riso

Made in China Files

Caro Trump, le femministe cinesi ti osservano. In Cina e Asia – Putin in Giappone, trattato di pace e cooperazione economica al centro dell’agenda. Il video – The Kingdom of Dreams and Madness. La «nuova normalità» dell’India demonetizzata. Il nostro consueto «punto» quotidiano. Buona lettura e buona serata. 

In Cina e Asia – Putin in Giappone, trattato di pace e cooperazione economica al centro dell’agenda

I titoli di oggi della nostra rassegna:

– Putin in Giappone per discutere un trattato di pace con Tokyo
– Pechino «sta militarizzando» le isole contese 
– La Cina sostiene la campagna antidroga di Duterte
– Capodanno cinese: sei milioni di turisti in uscita
– India, arrestati per essere rimasti seduti all’inno nazionale

In Cina e Asia – Pechino studia il nuovo Segretario di Stato americano

I titoli della rassegna di oggi:

– Pechino studia il nuovo Segretario di Stato americano
– La variabile Trump incentiva gli investimenti cinesi nel Sudest asiatico
– La Cina si riconcilia con il cinema giapponese, snobba quello sudcoreano
– La nazionale cinese di pole dance boicotta i campionati di Firenze: manca la bandiera
– Il Giappone dice sì ai casinò 
– Duterte ammette: «Anche io ho ucciso»
– HRW: dietro le devastazioni nello Stato Rakhine c’è la mano dei militari